sabato 19 novembre 2011

I prossimi passi da fare

Vi ho già accennato più volte di come abbia nel cuore il desiderio di far nascere nella nostra Comunità due organismi fondamentali: il Consiglio Pastorale e il Consiglio per gli Affari Economici. Sono due strumenti, due luoghi irrinunciabili per la vita di una parrocchia. Il grande Giorgio Gaber cantava “Libertà è partecipazione”. Quanto è vera questa af-fermazione! Non ci sentiremmo più liberi e democratici se potessimo an-dare a sederci in Parlamento (soprattutto in questi momenti di crisi) a far sentire direttamente la nostra voce? O anche solo a mandare in rappresentanza due o tre nostri compaesani che possano dire direttamente ai nostri politici cosa vogliamo noi di Laxolo? Mi chiedo perché invece nella Chiesa siamo poco o per nulla animati da questo desiderio…
Perché una parrocchia sia davvero Comunità, è fondamentale che tutti si sentano partecipi delle decisioni e delle scelte di questa famiglia. La par-rocchia non è un affare del Parroco e dei tre o quattro che gli stanno sempre attorno! È un bene di tutti! La Parrocchia siamo tutti noi!
Ecco cosa ci dice – a proposito - il 37° Sinodo della Diocesi di Bergamo:
86. Il consiglio pastorale parrocchiale è l’organismo pastorale dove si incon-trano presbiteri, laici e consacrati nell’impegno a edificarsi sempre più come comunità secondo il Vangelo. Fortemente raccomandato nell’immediato do-po Concilio, è divenuto obbligatorio con il programma pastorale diocesano degli anni 1994-1996, in quanto spazio idoneo a «far maturare la capacità di progettazione e di verifica pastorale»
87. Ogni parrocchia deve istituire il consiglio pastorale parrocchiale, con il compito di consigliare il parroco nella conduzione pastorale della parrocchia. Esso è segno della comunione e della fraternità parrocchiale ed esprime la corresponsabilità di tutti i membri del popolo di Dio nella costruzione conti-nua della Chiesa: è segno della decisione comune pastorale, dove il ministero della presidenza, proprio del parroco, e la corresponsabilità di tutti i fedeli, devono trovare la loro sintesi.
Durante il prossimo Avvento, approfondiremo ancora di più la riflessione sulla natura e l’importanza di questi due organismi (Consiglio Pastorale e Consiglio per gli Affari Economici). Ci serviremo di questo foglietto e di alcuni accenni nella predicazione. Avvieremo quindi le fasi di consultazione, candidature, scrutinio ed elezione dei membri del nostro Consiglio Pastorale, così da poter assistere alla sua nascita per il prossimo mese di gennaio. Cominciamo fin da ora a pregarci su, a chiedere al Signore che susciti tra noi persone generose e disponibili ad assumersi questo incarico per il bene di tutti e la crescita sempre più armoniosa della nostra Comunità Cristiana.