Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2012

Verbale del CPV del 30/05/2012

Riportiamo il verbale della terza seduta del Consiglio Pastorale Vicariale 2012-2017 Mercoledì 30 maggio 2012 alle ore 20.45, presso la consueta sede dell’oratorio di  Zogno, si è tenuto l’ultimo incontro annuale del Consiglio Pastorale Vicariale. Dopo  la preghiera introduttiva, che prevedeva, in occasione della prossimità con la  Pentecoste, una riflessione sulla presenza e centralità dello Spirito Santo, il vicario  locale don Cesare Micheletti ha esposto i due punti all’ordine del giorno: una  proposta di riflessione relativa all’eventuale costituzione, entro il nostro vicariato, di  unità pastorali e la consueta finestra sui riflessi del Consiglio Pastorale Diocesano. Quanto al primo punto all’ordine del giorno è stato presentato un opuscolo della  Diocesi di Milano, “Preti e laici per una spiritualità di comunione”, che rende  testimonianza dell’esperienza milanese e potrebbe rappresentare un utile  strumento di lavoro per preparare il terreno all’eventuale costituzione di

Occhio all'orario!

Immagine
Nella seconda seduta del Consiglio Pastorale Parrocchiale abbiamo finalmente sistemato gli orari delle Celebrazioni nei vari periodi dell'anno. Invitiamo tutti quanti a tenere d'occhio il nuovo schema degli orari delle varie celebrazioni per non rimanere disorientati. A breve pubblicheremo l'intero verbale della seduta del CPaP, così da poter consultare anche tutte le discussioni e decisioni riguardo all'Ordine del Giorno discusso.

La mano sul cuore

Immagine
Lo scorso 10 giugno, anche la nostra Comunità ha risposto con generosità all'invito delle CEI e della Caritas Italiana a contribuire all'Emergenza per i terremotati dell'Emilia e del Mantovano. Sono stati raccolti 651,38 €uro , che abbiamo già versato alla Caritas Diocesana Bergamasca. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito col cuore.

Aria di CRE ;)

Immagine
Cielo, terra, tempo... PAROLA Ci siamo. La lunga attesa è ormai conclusa. L’estate è alle porte. Splendide giornate, vacanze e divertimento. Ma soprattutto il CRE 2012. Dopo l’ormai lontana estate del 2009 passata a guardare il cielo. Tutti con i nasinsù   a meravigliarsi di fronte alle stelle del firmamento. Provando a contarle, rendendosi conto di quanto siamo piccoli e di quanto sono lontane e belle. Un dono solo a noi concesso. Subito dopo con i piedi per terra. Non per rimpiangere il cielo, ma per costruircelo sopra. Catapultati Sotto sopra , scopriamo di quanto la bellezza del cielo si riflette sempre sulla terra. Una terra che è dono per cui rendere grazie. Ma che richiede responsabilità e cura. Fino ad arrivare allo scorso anno. Sembra passata un'eternità. Ma chi ha vissuto il CRE 2011 lo sa bene. Il tempo passa in un Battibaleno , non bisogna sprecarlo. Ci si diceva che è “fondamentale imparare l’arte di usare in pienezza ed in bontà il proprio tempo”. Un tem