Benvenuto, Edoardo!
30 giugno 2020

Benvenuto, Edoardo!

Suonano le campane a festa a Laxolo!
Perché è nato EDOARDO, secondogenito di Milone Daniele e Zanardi Giulia.

Un abbraccio da tutta la Comunità di Laxolo!
Signore, ascolta la mia preghiera
18 giugno 2020

Signore, ascolta la mia preghiera


La Comunità cristiana di Laxolo si unisce in preghiera di suffragio al dolore dei famigliari e degli amici di

Benigni Renato
di anni 76

***

I funerali si celebreranno sabato 20 giugno alle ore 15.00.

N.B.: In osservanza delle disposizioni del Protocollo Governo-CEI, non ci sarà corteo dalla casa del defunto alla chiesa, ma accoglieremo direttamente in chiesa la salma. Allo stesso modo, non si svolgerà il corteo finale dalla chiesa al Cimitero.


[N.B.: è soppressa la Santa Messa del mattino alle ore 9.00]
Dal 18 maggio tutti a Messa, ma...
15 maggio 2020

Dal 18 maggio tutti a Messa, ma...

Coronavirus – Disposizioni per la graduale ripresa dal 18 maggio delle celebrazioni liturgiche con il popolo

In seguito al “Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo”, sottoscritto il 7 maggio 2020 dal Presidente del Consiglio, dal Ministro dell’Interno e dal Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, a partire da lunedì 18 maggio 2020 riprenderanno le celebrazioni liturgiche con il popolo, nel rispetto della normativa sanitaria e delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 previste dal D.P.C.M. del 26 aprile 2020.
In questa fase, la comunità cristiana accoglie la graduale ripresa delle celebrazioni con spirito di riconoscenza nei confronti del Signore, in atteggiamento di prudenza e di sincera corresponsabilità verso l’autorità civile.
Qui di seguito si riportano solo le indicazioni principali, che riguardano direttamente i fedeli. Le indicazioni nella loro forma completa sono reperibili su Sito Web della Diocesi, a questo link: https://diocesibg.it/coronavirus-disposizioni-per-la-graduale-ripresa-dal-18-maggio-delle-celebrazioni-liturgiche-con-il-popolo/
ACCESSO AI LUOGHI DI CULTO PER LE CELEBRAZIONI LITURGICHE
L’accesso individuale ai luoghi di culto e agli spazi celebrativi si deve svolgere in modo da evitare ogni assembramento sia nell’edificio sia nei luoghi annessi, come per esempio le sacrestie e il sagrato.
  • Nel rispetto della normativa sul distanziamento tra le persone, il legale rappresentante dell’ente (normalmente il Parroco) individui la capienza massima dell’edificio di culto, tenendo conto della distanza minima di sicurezza, che dev’essere pari ad almeno un metro laterale e frontale. Nel caso si preveda che la partecipazione dei fedeli superi significativamente il numero massimo di presenze consentite, si consideri l’ipotesi di celebrare anche all’aperto. Si invitano i Parroci a prendere contatti con i rispettivi Sindaci per un’informale valutazione circa il numero delle persone che, nelle singole chiese o all’aperto, potranno partecipare alle celebrazioni.
  • L’accesso alla chiesa o allo spazio celebrativo sia pertanto contingentato e regolato da volontari e/o collaboratori che – indossando adeguati dispositivi di protezione individuale (guanti monouso e mascherine) – favoriscano l’ingresso e l’uscita dei fedeli, vigilando sul numero massimo di presenze consentite. Agli ingressi dei luoghi di culto siano resi disponibili liquidi igienizzanti.
    Per favorire un accesso ordinato:
    • Andrà rispettata la distanza di sicurezza pari ad almeno 1,5 mt.
    • Si utilizzino, ove presenti, più ingressi, eventualmente distinguendo quelli riservati all’entrata da quelli riservati all’uscita.
    • Durante l’entrata e l’uscita dei fedeli le porte rimangano aperte per favorire un flusso più sicuro ed evitare che porte e maniglie siano toccate.
  • Coloro che accedono alle celebrazioni sono tenuti a indossare la mascherina che copra naso e bocca.
  • I fedeli non prendano posto casualmente nei banchi/sedie, ma nei posti debitamente contrassegnati, mantenendo le distanze di sicurezza previste (pari cioè ad almeno un metro laterale e frontale).
  • Si favorisca, per quanto possibile, l’accesso delle persone diversamente abili, prevedendo luoghi appositi per la loro partecipazione alle celebrazioni nel rispetto della normativa vigente.
  • Non è consentito accedere alle celebrazioni in caso di sintomi influenzali /respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiore a 37,5° C. Inoltre non è consentito l’accesso a coloro che sono stati in contatto con persone positive a Covid-19 nei giorni precedenti.

IGIENIZZAZIONE DEI LUOGHI E DEGLI OGGETTI
  • I luoghi di culto e gli spazi celebrativi, ivi comprese le sacrestie, siano igienizzati regolarmente al termine di ogni celebrazione. Per farlo sarà sufficiente passare, specialmente sulle superfici di seduta e di appoggio delle mani, un panno intriso di un detergente idoneo ad azione antisettica. Si abbia inoltre cura di favorire il ricambio dell’aria.
  • Al termine di ogni celebrazione, i vasi sacri, le ampolline e altri oggetti utilizzati, così come gli stessi microfoni, vengano accuratamente disinfettati.
  • Si continui a mantenere vuote le acquasantiere della chiesa.

ORIENTAMENTI PASTORALI E INDICAZIONI LITURGICHE
L’esperienza delle prime domeniche della ripresa e la collaborazione tra presbiteri aiuteranno, con spirito di sapienza e discernimento, ad una definizione più precisa di luoghi e tempi delle celebrazioni per aiutare la partecipazione dei fedeli, tenendo anche conto di una necessaria flessibilità visto l’avvicinarsi della stagione estiva e l’evoluzione normativa in materia.


Celebrazione Eucaristica

  • Si abbia grande cura per la dignità della celebrazione. Si preveda la presenza dei necessari ministri che la possano garantire, nel rispetto delle disposizioni in corso. Può essere prevista la presenza di un organista, ma si ometta il coro. Per l’organo si eviti, per quanto possibile, l’alternanza continua di persone.
  • Per ragioni igienico-sanitarie, non è opportuno che nei luoghi destinati ai fedeli siano presenti sussidi per i canti o di altro tipo.
  • Le eventuali offerte non siano raccolte durante la celebrazione, ma attraverso appositi contenitori, che possono essere collocati alle uscite.
  • Si ometta lo scambio della pace.
  • Prima di distribuire la comunione ai fedeli, il sacerdote (e l’eventuale ministro straordinario) si igienizzi accuratamente le mani, indossi i guanti monouso e la mascherina, coprendo accuratamente naso e bocca.
  • Per la distribuzione della comunione il sacerdote, per evitare spostamenti dei fedeli, può passare direttamente tra i banchi. Nel caso invece siano i fedeli a muoversi, abbiano l’accortezza di rispettare le distanze di sicurezza.
  • La comunione sia distribuita solo sulle mani, avendo l’avvertenza di evitare il contatto fisico con esse.
  • Il sacerdote abbia la massima cura che sulla superficie del guanto non rimangano frammenti del Corpo del Signore.

Celebrazione del Battesimo

  • Si rispettino tutte le disposizioni sopraindicate circa il distanziamento, le protezioni sanitarie, la presenza numerica dei partecipanti e di eventuali ministri.
  • Le unzioni previste (con l’olio dei catecumeni e con il crisma) siano effettuate con l’utilizzo di guanti monouso.
  • In questa fase, a motivo del numero contingentato dei fedeli e delle norme igienico-sanitarie, è preferibile che il battesimo sia amministrato fuori dalla Messa. Si consiglia inoltre di non battezzare più di un bambino nella stessa celebrazione.

Celebrazione della Confermazione

  • La celebrazione del sacramento della confermazione è rinviata.
Celebrazione della Penitenza
  • Il sacramento della penitenza sia amministrato in luoghi ampi e areati, che consentano a loro volta il pieno rispetto delle misure di distanziamento e la riservatezza richiesta dal sacramento stesso. Sacerdote e fedele indossino sempre la mascherina.
Celebrazione dell’Unzione degli Infermi
  • Si rispettino tutte le disposizioni sopraindicate circa il distanziamento e le protezioni sanitarie.
  • L’unzione sia effettuata con l’utilizzo di guanti monouso.
  • In questa fase non ci siano celebrazioni “comunitarie” del sacramento.
Celebrazione del Matrimonio
  • Si tenga in considerazione quanto indicato per la celebrazione eucaristica.
Celebrazione delle Esequie
  • Non è più vincolante il tetto massimo di 15 partecipanti. Il numero dei fedeli che possono prender parte alle esequie è calcolato come per le altre celebrazioni.
  • Le veglie funebri sono sospese.
  • Il corteo funebre dall’abitazione, dall’obitorio o dalla casa del commiato, così come verso il cimitero è sospeso.
  • Al cimitero il sacerdote presiede il rito della benedizione prima della sepoltura. Anche in questo caso a tutti è richiesto il rigoroso distanziamento.
  • Nel caso in cui il feretro proceda per la cremazione, le esequie si considerano concluse con la fine della celebrazione eucaristica.
  • È possibile, in accordo con il Sindaco, che la celebrazione del funerale, con la Messa, sia fatta al cimitero, rispettando le norme di distanza e quelle indicate per la celebrazione.
  • Tenendo conto che può sussistere il caso di persone defunte in questi mesi e le cui ceneri non sono ancora state deposte al cimitero, si concede il permesso straordinario di celebrare il funerale, presente l’urna.
Altre celebrazioni
  • Per le celebrazioni nelle Case di Riposo, soprattutto della Santa Messa, previo accordo con la Direzione Sanitaria, ci si attenga alle note sopraindicate.
  • La comunione eucaristica presso le case degli ammalati sia effettuata dal sacerdote o dai ministri straordinari con le attenzione segnalate: igienizzazione delle mani, uso di guanti e mascherina, comunione sulle mani. Si rispettino anche le distanze di sicurezza indicate.
  • Per ogni momento di preghiera, anche all’aperto, valgono le disposizioni sopra elencate.
  • A motivo dell’oggettiva impossibilità a mantenere le necessarie distanze di sicurezza tra una persona e l’altra, in questa fase sono sospese le processioni (del Corpus Domini, mariane, del santo patrono, ecc.) così come i cortei funebri.
Benvenuto tra noi, Luca!
09 maggio 2020

Benvenuto tra noi, Luca!


Suonano le campane a festa a Laxolo!
Perché è nato LUCA, secondogenito di Pesenti Andrea e Bonanomi Caterina.

Un abbraccio da tutta la Comunità di Laxolo!
San Gottardo, prega per noi!
03 maggio 2020

San Gottardo, prega per noi!


Oggi, festa di San Gottardo, avremmo concluso in modo solenne la nostra Settimana di Festa Patronale.
L'isolamento forzato impostoci da questa terribile pandemia ci impedisce di festeggiare e ritrovarci in allegria.
Possiamo però (e dobbiamo) restare uniti nella preghiera ai nostri Santi Patroni, perché ci aiutino a proseguire con fede e coraggio, proprio come hanno fatto loro, anche in questo momento di prova.
Oggi allora invochiamo il nostro glorioso Patrono, lui che ha viaggiato come pellegrino per tutta l'Europa attraversando mille difficoltà e si è prodigato nella carità verso tutti, perché ci aiuti a superare questo terribile e insicuro viaggio che la Chiesa e il mondo intero stanno affrontando.

O glorioso San Gottardo,
sii nostro Protettore e Avvocato
in questo giorno, e in tutta la nostra vita,
perché non offendiamo mai il Signore
e non perdiamo il Suo Amore.
Difendici dai nostri nemici, e ottienici
- per favore speciale da Dio -
di non vedere la morte,
senza prima aver ricevuto i Santi Sacramenti
in grazia del Signore. Amen.
Amen