lunedì 2 giugno 2014

CRE 2014... Pronti? Via!

Tutte le informazioni utili...







Costi di iscrizione:
15,00 €uro (12,00€ dal 2° fratello)
se si pagano le settimane una alla volta

50,00 €uro (40,00€ dal 2° fratello)
se si pagano 4 settimane contemporaneamente

Le attività che nel programma riportano il segno [*]
prevedono il pagamento di una QUOTA di iscrizione aggiuntiva (15€ per il 1° figlio, 13€ per il secondo) che andrà versata per perfezionare l’iscrizione
ad ogni singola uscita (entro le 19.00 del mercoledì della settimana precedente alla gita stessa)

Il termine ultimo per le iscrizioni, per motivi organizzativi è DOMENICA 15 GIUGNO 

le ISCRIZIONI si effettueranno presso don PIETRO IN QUESTI GIORNI:
  • sabato 7 giugno (20:30-21:30)
  • domenica 8 giugno (16:30-18:30)
  • lunedì 9 giugno (9:30-11:30)
  • venerdì 13 giugno (21:00-21:30)
  • sabato 14 giugno (20:30-21:30)
  • domenica 15 giugno (16:30-18:30) 

Il tema...
Piano Terra
«Venne ad abitare in mezzo a noi» (Gv 1,14)
Il tema dell’abitare si pone in continuità con quanto proposto gl’anni scorsi: la parola e il corpo, per raggiungere il loro compimento (e parafrasare fino in fondo quanto l’evangelista Giovanni ha magistralmente sintetizzato nei primi versetti del suo prologo) hanno bisogno di “prendere dimora” nella vita degli uomini, di “venire ad abitare in mezzo a noi” (Gv 1,14). È un tema che si pone in continuità anche perché, come sempre, ha la pretesa di incrociare un’altra dimensione fondamentale dell’esistenza – e quindi della Fede – quale è quella dell’abitare.

Come la vita degli uomini non può prescindere dal parlare e dal porre gesti, così non può fare a meno di ‘trovare casa’, di ‘fare casa’ su questa terra in cui Dio ci ha collocato; e fin dall’inizio, a prescindere dal risultato, pare sia stato proprio così: “venite, costruiamoci una città…” (Gen 11,4). In altre parole, per entrare in relazione con sé, con gli altri e con Dio occorrono certamente parole e gesti efficaci, ma se questi non prendono dimora, non si radicano nelle pieghe dell’esistenza umana, rischiano di essere lasciati alla mercé del tempo che passa e scivolano via come l’acqua sulla roccia. Se si vuole continuità, occorre prendere dimora, occorre abitare e far abitare.


E già qui si può cogliere una prima sostanziale questione intorno all’“abitare”: nasciamo senza aver avuto la possibilità di scegliere dove abitare e moriamo venendo ‘giudicati’ per dove e come abbiamo abitato ovvero per quello che abbiamo costruito. C’è una passività dell’abitare che non può che essere accolta e c’è un’attività dell’abitare che non può che essere agita in ogni esistenza se si vuole dire degna di essere vissuta.